KAYDEN A 2 ANNI MUOVE I SUOI PRIMI PASSI CON LE PROTESI E FELICE RIPETE: “I GOT IT!”

A DUE ANNI KAYDEN ECCO  I SUOI PRIMI PASSI CON LE PROTESI: GUARDA IL VIDEO CHE HA POSTATO SUA MAMMA ORGOGLIOSA DI LUI SU FACEBOOK

New Jersey, Kayden Elijah ha due anni e una grande forza di volontà. Nato con la patologia di Omhalocele, ovvero con gli organi interni cresciuti fuori dal suo corpo, ha subito lo scorso gennaio l’amputazione della gamba sinistra e del piede destro a causa di una malformazione. Ora Kayden è pronto per indossare delle protesi e allenarsi a camminare. Come è evidente dal video è molto determinato: muove i suoi primi e incerti passi con un tutore, ripetendo a se stesso: “Ce la faccio!”. Cade si rialza, si ferma e ricomincia d’accapo e alla fine ce la fa. E dire che i medici avevano detto a sua madre che non sarebbe sopravvissuto.

Di  – invisibili.ilcorriere.it

“I got it” espresso quasi a rassicurare la madre. “Ho capito” dice Kayden Elijah Kinckle, (2 anni) mentre, tutto impegnato, impugna il “girello” e muove i primi passi. Il video, ripubblicato anche dal Corriere sta facendo il giro del mondo attraverso i social network, via youtube, conquistando 500 mila “visitatori” in poche ore. Smuove l’anima, commuove e, forse, fa riflettere.

La madre Nikky scrive la storia di Kayden, un’avventura segnata dal destino ancor prima del suo arrivo al mondo. Secondo i medici non avrebbe dovuto nascere. “Terminate” è il verbo che usa Nikky nello spiegare che i medici le consigliarono di abortire. Ma si termina un’azione, e non una vita. Il difetto, così forse la pensavano i medici americani, è una malattia rara di nome onfalocele dovuta a un arresto di sviluppo della parete addominale in corrispondenza della regione ombelicale. Non sarebbe riuscito a sopravvivere, le dissero, e invece eccolo muovere il primo passo.

Sorride come farebbe qualunque bambino alle prese con la difficile arte del cammino. Balcolla insicuro su quella gamba artificiale, uno dei tanti interventi a cui è stato sottoposto questo piccolo del New Jersey. E noi lo guardiamo commuovendoci. E’ un bambino con disabilità, ed è già, a suo modo, un vincente. Ho vinto solo una tappa di quella corsa a ostacoli che sarà la vita. Ostacoli che ogni giorno anche noi contribuiamo a creare. Con la nostra diffidenza verso l’altro in difficoltà, con la nostra distrazione, con il nostro egoismo (come il parcheggiare su un posto per disabili anche solo per cinque minuti, il tempo di andare a prendere un caffè)…

Guardiamo il video e poi torniamo alla nostra routine, mentalmente pensando: “ho visto, mi sono commosso, ho schiacciato mi piace, forse ho anche condiviso… ho fatto il mio dovere”. E poi? Poi forse c’è da capire il fine che ha spinto quella madre a condividere la sua gioia con il mondo intero, il suo orgoglio di mamma, o ancestralmente di ogni madre, nel festeggiare con suo figlio il primo passo. Non le importa che sia un disabile. Non le interessa cosa dice la gente.

Questo filmato è la sfida di una donna nel dire “e’ mio figlio”! E forse, noi dall’altra parte del video dovremmo fermarci a pensare alle nostre querule lamentele quotidiane, ai capricci per il cellulare nuovo, a quell’egoismo nel guardare a noi stessi senza alzare gli occhi sugli altri. Guardatelo ancora mentre malfermo, tende a cadere, ma si rialza. Una, dieci volte… noi siamo altrettanto capaci di cadere sotto i colpi della vita e rialzarci come ha fatto Kayden?

Di Simone Fanti

Annunci

Informazioni su Lorella Ronconi

Freeway on my wheelchair, social branding influencer, content marketing management, poetessa per amore della mia vita. "Ruoto, scivolo, piroetto tra vanità e gambe frettolose, non trovo le mie orme, ma io ruoto, si, in un mondo fatto di passi . Je Roule #JeRouleAvecToi, #ionomivergogno, #iosonorara "Dopo tanta sofferenza provocatami dall’ignoranza delle persone riguardo la mia diversa abilità, dopo tanto sentirmi “mostro” e nascondermi all’altro, ecco che mi guardo allo specchio e mi sento Sirena. Se nella mia precedente raccolta di poesie (Je Roule, E.T.S., Pisa 2008) “ruotavo”, riferendomi al mio vivere in carrozzella e ripiegandomi sulla mia condizione, adesso promuovo me stessa accettandomi con grande amore, con nuova forza e rinnovata autostima. Ho cambiato pelle, ora “guizzo”: ora sono una Sirena. Entità leggendaria, metà donna e metà fantastica frequentatrice delle più remote profondità del mare, la Sirena nuota e si muove in energica sintonia con il suo mondo; osserva, accucciata sulla roccia, le navi e i marinai e comprende che non potrà mai correre sulla terra ferma tra quei “piedi guerrigli”, né essi potranno mai nuotare negli abissi profondi degli oceani. “Tra voi e me c’è una distanza incolmabile”, sembra dire la Sirena, guardando lontano; la tristezza può impadronirsi di lei ma il tuffo guizzante la rinvigorisce, le rinnova le forze, la fa risentire combattiva, “guerriglia”. Lei, la Sirena, ed io, Lorella, crediamo fermamente nell’uguaglianza dei diritti e nella grande, magnifica ricchezza delle differenti abilità. L’unicità e l’irripetibilità di ciascuno di noi ci fa naturalmente guadagnare il diritto di essere parimenti accettati nella nostra normalità”. Cav. Lorella Ronconi www.lorellaronconi.it @lorellaronconi https://www.facebook.com/lorellaronconietor?ref=hl Vedi tutti gli articoli di Lorella Ronconi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: