QUELLA DIVERSITA’ CI SPAVENTA PERCHE’ ANCORA NON SAPPIAMO CREARE I LEGAMI

 

et-diversita-usala-disabilita

Da ContatSrl.com

“Una riflessione di Valentina Usala sul tema della diversità e su quanto potremmo fare, con minimo sforzo, per migliorare la società in cui viviamo.

Il diverso fa paura. Fa paura perché in fondo non siamo così bravi a creare legami: un legame implica l’utilizzo di un elemento innato e archetipo, che seppur tale, non si concede alla così autonomamente e priva di ostacoli, conoscenza del diverso. Siamo il popolo dell’orologio facile, dei connessi con un solo click, e al tempo stesso di coloro che schivano e si disinteressano dell’elemento amore, inteso nel senso più semplice del suo significato.
Vorrei tornare indietro nel tempo, all’11 giugno 1982, quando nelle sale cinematografiche statunitensi approdava il film scalpore di Spielberg: E.T. Senza citarne la trama, vorrei focalizzarmi su alcune scene di forte rilevanza sociale che Spielberg ha saputo egregiamente mettere in scena: tolleranza, accoglienza, crescita e rispetto.
Per sottolineare poi la tematica sacra del legame.
Elliott ed E.T (da notare il fatto che la prima e ultima lettera del primo nome, compongano il nome dell’extraterrestre) si ritrovano in un giardino, l’uno più intimorito dell’altro: chi fa più paura a chi? Ci abbiamo mai riflettuto? Fanno conoscenza, e per mezzo di un escamotage Elliott riesce a condurre nella sua camera l’amico extraterrestre. Da lì inizia la conoscenza vera e propria, ovvero entrambi stanno applicando un effetto di protezione e affetto nei confronti l’uno dell’altro. Sino alla tragica scena in cui E.T decede, ma rianimato post mortem dall’amore di Elliott. E.T insegna il concetto di comunicazione, il valore dell’amicizia e che è sufficiente un cuore rosso pulsante a trasmettere il proprio amore.
Senza una sola parola. Ad ognuno il proprio talento, innato in ogni essere vivente, dal cuore pulsante.
Se in E.T. la bicicletta con cui Elliott gironzola e salva E.T da un laboratorio vivisezionista vuole in realtà simboleggiare il progresso, con le sue ruote simbolo di evoluzione, ai giorni nostri chi le ruote di una carrozzina è costretto ad utilizzarle – non di certo per scelta –  è più comodo tenerlo in un ghetto della mente e vincolare ogni sorta di contatto, legame e amore. disabile-diversita-usala-et
Come Elliott ed E.T. hanno saputo volare nel cielo, così potremmo immaginarci in una società amalgamata.
Si vola! Basta crederci. Assieme, senza condonare e far scorrere posizioni inaccettabili, senza permettere che ognuno diventi alieno di se stesso.
Tanti i metodi applicabili e possibili se solo si prestasse un occhio più acuto e vispo a date circostanze. Come diceva Beppe Dell’Acqua: “Occorrono laboratori, non ambulatori”. Laboratori che chiunque con un briciolo di umanità saprebbe creare, veramente con molto poco.
Quanta insipienza ancora?

– See more at: http://www.contactsrl.it/blog/2014/10/29/et-diversita-usala/#sthash.ndUNa0pA.dpuf

Annunci

Informazioni su Lorella Ronconi

Freeway on my wheelchair, social branding influencer, content marketing management, poetessa per amore della mia vita. "Ruoto, scivolo, piroetto tra vanità e gambe frettolose, non trovo le mie orme, ma io ruoto, si, in un mondo fatto di passi . Je Roule #JeRouleAvecToi, #ionomivergogno, #iosonorara "Dopo tanta sofferenza provocatami dall’ignoranza delle persone riguardo la mia diversa abilità, dopo tanto sentirmi “mostro” e nascondermi all’altro, ecco che mi guardo allo specchio e mi sento Sirena. Se nella mia precedente raccolta di poesie (Je Roule, E.T.S., Pisa 2008) “ruotavo”, riferendomi al mio vivere in carrozzella e ripiegandomi sulla mia condizione, adesso promuovo me stessa accettandomi con grande amore, con nuova forza e rinnovata autostima. Ho cambiato pelle, ora “guizzo”: ora sono una Sirena. Entità leggendaria, metà donna e metà fantastica frequentatrice delle più remote profondità del mare, la Sirena nuota e si muove in energica sintonia con il suo mondo; osserva, accucciata sulla roccia, le navi e i marinai e comprende che non potrà mai correre sulla terra ferma tra quei “piedi guerrigli”, né essi potranno mai nuotare negli abissi profondi degli oceani. “Tra voi e me c’è una distanza incolmabile”, sembra dire la Sirena, guardando lontano; la tristezza può impadronirsi di lei ma il tuffo guizzante la rinvigorisce, le rinnova le forze, la fa risentire combattiva, “guerriglia”. Lei, la Sirena, ed io, Lorella, crediamo fermamente nell’uguaglianza dei diritti e nella grande, magnifica ricchezza delle differenti abilità. L’unicità e l’irripetibilità di ciascuno di noi ci fa naturalmente guadagnare il diritto di essere parimenti accettati nella nostra normalità”. Cav. Lorella Ronconi www.lorellaronconi.it @lorellaronconi https://www.facebook.com/lorellaronconietor?ref=hl Vedi tutti gli articoli di Lorella Ronconi

2 responses to “QUELLA DIVERSITA’ CI SPAVENTA PERCHE’ ANCORA NON SAPPIAMO CREARE I LEGAMI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: