LAS VOCES DE LA MEMORIA, UN CORO DI MALATI DI ALZHEIMER, CANTA LA MEMORIA, RAGGIUNGE LA FAMA COMMUOVENDO LA SPAGNA

Las voces de la memoria è un gruppo vocale di Valencia che riunisce una cinquantina di malati dai 55 al 92 anni di età, e dopo aver ottenuto la notorietà grazie a un documentario tv si è esibito davanti alla regina e sta per iniziare il tour 2015. L’idea è partita da uno studente che aveva osservato come gli anziani non avessero dimenticato neppure una parola delle canzoni della loro giovinezza.

f82219e2-dcf3-4ebf-be15-f85a2843e7f3_medium

Ha commosso ed entusiasmato in Spagna la storia del coro Las voces de la memoria, il primo ensamble vocale composto esclusivamente da malati di Alzheimer, che trovano nella musica e soprattutto nel canto una importante risorsa terapeutica. Il coro, sorto nel 2010 e formato allora da una trentina di anziani, ha raggiunto la fama grazie a un bellissimo documentario tv che ha registrato il debutto al teatro  Palau de la Musica di Valencia davanti a centinaia di persone, e da allora non si è più fermato: ha cantato lo scorso febbraio per la prima volta a Madrid davanti alla regina Sofia e ora andrà in tour, esibendosi anche nel corso delle Fallas, le famose feste che ogni anno si svolgono nella città spagnola. La loro esibizione è in programma il prossimo 16 marzo.

L’iniziativa è partita dall’Asociación de Familiares de Enfermos de Alzheimer de Valencia (AFAV), composta dai parenti dei malati che frequentano il Centro Alzheimer, dando seguito all’idea di uno studente che frequentava il centro, che aveva osservato come gli anziani non ricordassero molte informazioni o parole, ma sapessero benissimo cantare le canzoni della loro giovinezza, senza perdere neppure una sillaba. Di qui il potenziamento dell’attività di musicoterapia e la creazione del coro, che nel tempo ha spaziato dalle canzoni popolari a quelle gospel, riuscendo a cantare anche in inglese e a più voci.

Ma l’obiettivo più complesso da raggiungere era sicuramente quello delle esibizioni pubbliche, centrato dopo due anni di prove, fino alla decisione di portare il gruppo in tour. Las voces de la memoria ha oggi dato oltre 20 concerti, di cui tre al Palau de la Musica di Valencia, riscuotendo notevole successo. Oggi il coro, diretto dai maestri Salvador Fito e Soledad Corachán, è composto da 48 pazienti di età compresa tra i 55 e i 92 anni, oltre a 10 voci-ombra (volontari coinvolti come supporto). La musica, si legge nel sito dell’ensamble, permette di rallentare la progressione della malattia e favorisce il recupero dell’identità e delle emozioni, che si perdono per colpa della malattia, e aiuta a far sopravvivere in qualche modo il ricordo collegato alla musica, al canto, al ritmo e alla danza.

www.vita.it

Annunci

Informazioni su Lorella Ronconi

Freeway on my wheelchair, social branding influencer, content marketing management, poetessa per amore della mia vita. "Ruoto, scivolo, piroetto tra vanità e gambe frettolose, non trovo le mie orme, ma io ruoto, si, in un mondo fatto di passi . Je Roule #JeRouleAvecToi, #ionomivergogno, #iosonorara "Dopo tanta sofferenza provocatami dall’ignoranza delle persone riguardo la mia diversa abilità, dopo tanto sentirmi “mostro” e nascondermi all’altro, ecco che mi guardo allo specchio e mi sento Sirena. Se nella mia precedente raccolta di poesie (Je Roule, E.T.S., Pisa 2008) “ruotavo”, riferendomi al mio vivere in carrozzella e ripiegandomi sulla mia condizione, adesso promuovo me stessa accettandomi con grande amore, con nuova forza e rinnovata autostima. Ho cambiato pelle, ora “guizzo”: ora sono una Sirena. Entità leggendaria, metà donna e metà fantastica frequentatrice delle più remote profondità del mare, la Sirena nuota e si muove in energica sintonia con il suo mondo; osserva, accucciata sulla roccia, le navi e i marinai e comprende che non potrà mai correre sulla terra ferma tra quei “piedi guerrigli”, né essi potranno mai nuotare negli abissi profondi degli oceani. “Tra voi e me c’è una distanza incolmabile”, sembra dire la Sirena, guardando lontano; la tristezza può impadronirsi di lei ma il tuffo guizzante la rinvigorisce, le rinnova le forze, la fa risentire combattiva, “guerriglia”. Lei, la Sirena, ed io, Lorella, crediamo fermamente nell’uguaglianza dei diritti e nella grande, magnifica ricchezza delle differenti abilità. L’unicità e l’irripetibilità di ciascuno di noi ci fa naturalmente guadagnare il diritto di essere parimenti accettati nella nostra normalità”. Cav. Lorella Ronconi www.lorellaronconi.it @lorellaronconi https://www.facebook.com/lorellaronconietor?ref=hl Vedi tutti gli articoli di Lorella Ronconi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: