GLI ATTI DI VANDALISMO VERSO LE PERSONE DIVERSAMENTE ABILI, IN UNA DEMOCRAZIA COME L’ITALIA SONO MOLTO PREOCCUPANTI

Sputi e botte a disabile in aula, video poi condiviso sui social, insegnante che assiste e non interviene, quale cultura stiamo promuovendo nelle famiglie e nelle scuole?  Gravissimo atto a Varallo!

In scuola Vercellese. Denunciate 16 enni

ed39405ca63653e71292c6120c8fc409_987390

DA ANSA.IT : Sputi e botte in classe, sotto gli occhi dell’insegnante che non interviene, ad una ragazza disabile di origini marocchine. E poi quell’aggressione choc, filmata con il telefonino, che fa il giro dei social network e via WhatsApp dei cellulari.

Sulla ‘doppia violenza’ – a scuola e sul web – a Varallo, in provincia di Vercelli, la firma di tre ragazze sedicenni che i carabinieri hanno segnalato alla procura della Repubblica presso il tribunale dei Minori di Torino e alla procura di Vercelli. “I fatti, se confermati, sono gravissimi” ha commentato in serata il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, “abbiamo chiesto una relazione alla scuola”, ha aggiunto, precisando: “Seguirò da vicino l’evoluzione del caso”.

Il video, una quindicina di secondi, immortala due ragazze in piedi vicino alla lavagna che, a turno, prendono a calci e a schiaffi la giovane disabile, che tenta di ripararsi dai colpi con le mani e con una borsa. Nell’inquadratura ripresa da un’altra studentessa, a circa un metro di distanza, compare ad un certo punto una donna, l’insegnante: si avvicina alla vittima e allontana le responsabili dell’ aggressione, che ridono. Poi scompare di nuovo, lasciando campo libero a un’ altra ragazza, che sputa in faccia alla malcapitata in lacrime.

“Guardi mi sputano”, dice la disabile rivolgendosi probabilmente all’insegnante. Il video si interrompe così, sulla richiesta di aiuto della studentessa. La scuola ha avviato un’indagine interna per fare chiarezza su quanto accaduto. Oltre alla dinamica, c’è anche da capire se l’aggressione è sia avvenuta durante la lezione come sembra durante una pausa, dal momento che i protagonisti indossano i giubbotti e hanno la borsa dei libri sulla schiena. “Quanto successo, come altri casi avvenuti in passato, è un episodio gravissimo che non dovrebbe mai avvenire”: sottolinea Antonio Catania, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale del Piemonte e direttore dell’Ufficio scolastico provinciale di Vercelli. “Ho appena chiesto una relazione dettagliata al dirigente della scuola – continua – per valutare l’eventuale responsabilità, sia dei ragazzi che dell’insegnante presenti in classe”.

Sputi e botte a disabile in aula, video choc sui social
In scuola Vercellese. Denunciate 16 enni. Giannini, gravissimo
L’episodio ha suscitato indignazione in città. “Sono casi incresciosi che devono essere condannati – commenta il sindaco di Varallo, Eraldo Botta -. Appena avrò la possibilità, voglio esprimere la mia vicinanza e solidarietà alla famiglia della ragazzina: i genitori della vittima hanno tutto il sostegno della città. Aggressioni di questo tipo devono servire da monito affinché non succedano più. La scuola dia un segnale forte e prenda immediati provvedimenti”.
 
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Annunci

Informazioni su Lorella Ronconi

Freeway on my wheelchair, social branding influencer, content marketing management, poetessa per amore della mia vita. "Ruoto, scivolo, piroetto tra vanità e gambe frettolose, non trovo le mie orme, ma io ruoto, si, in un mondo fatto di passi . Je Roule #JeRouleAvecToi, #ionomivergogno, #iosonorara "Dopo tanta sofferenza provocatami dall’ignoranza delle persone riguardo la mia diversa abilità, dopo tanto sentirmi “mostro” e nascondermi all’altro, ecco che mi guardo allo specchio e mi sento Sirena. Se nella mia precedente raccolta di poesie (Je Roule, E.T.S., Pisa 2008) “ruotavo”, riferendomi al mio vivere in carrozzella e ripiegandomi sulla mia condizione, adesso promuovo me stessa accettandomi con grande amore, con nuova forza e rinnovata autostima. Ho cambiato pelle, ora “guizzo”: ora sono una Sirena. Entità leggendaria, metà donna e metà fantastica frequentatrice delle più remote profondità del mare, la Sirena nuota e si muove in energica sintonia con il suo mondo; osserva, accucciata sulla roccia, le navi e i marinai e comprende che non potrà mai correre sulla terra ferma tra quei “piedi guerrigli”, né essi potranno mai nuotare negli abissi profondi degli oceani. “Tra voi e me c’è una distanza incolmabile”, sembra dire la Sirena, guardando lontano; la tristezza può impadronirsi di lei ma il tuffo guizzante la rinvigorisce, le rinnova le forze, la fa risentire combattiva, “guerriglia”. Lei, la Sirena, ed io, Lorella, crediamo fermamente nell’uguaglianza dei diritti e nella grande, magnifica ricchezza delle differenti abilità. L’unicità e l’irripetibilità di ciascuno di noi ci fa naturalmente guadagnare il diritto di essere parimenti accettati nella nostra normalità”. Cav. Lorella Ronconi www.lorellaronconi.it @lorellaronconi https://www.facebook.com/lorellaronconietor?ref=hl Vedi tutti gli articoli di Lorella Ronconi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: