Archivi tag: disabili

EXPOSANITA’ : NELLE SCUOLE IN ITALIA 223 MILA ALUNNI CON DISABILITA’, IL 2,5% DEL TOTALE DEGLI STUDENTI

Disabili, “sono 223mila: le scuole aiutino chi ha difficoltà di apprendimento”

NELLE SCUOLE STATALI IL RAPPORTO DOCENTI/ALUNNI E’ UNO OGNI DUE STUDENTI.

Immagine

di

In Italia nell’anno scolastico 2012-2013 sono stati circa 223mila gli alunni con disabilità (2,5% del totale degli studenti), in crescita del 3,2% rispetto all’anno precedente. Il 10% dei disabili frequenta la scuola dell’infanzia, il 38% la scuola primaria, il 29% la scuola secondaria di I grado e il 24% la scuola secondaria di II grado. L’incidenza più elevata di alunni con disabilità si segnala in Trentino Alto Adige (3,3% sul totale degli alunni della regione), Lazio (3,1%) e Abruzzo (3,1%) mentre la Basilicata (1,9%) e la Calabria (2%) sono le regioni con il tasso più basso. Guardando alle disabilità presentate dagli studenti, la netta maggioranza (66,7%) ha una disabilità di tipo intellettivo mentre quella motoria è presente nel 4,1% dei casi, quella uditiva nel 2,9% e quella visiva nell’1,7%. Questa la fotografia scattata da Exposanità che per la prossima edizione (Bologna 21-24 maggio) propone diversi focus di riflessione dedicati al tema della disabilità.

“Il tema dell’integrazione scolastica degli alunni con disabilità impone due diversi livelli di riflessione. Da un lato – rileva Marilena Pavarelli, project manager di Exposanità – è necessario ripensare e adattare l’edilizia scolastica così da renderla fruibile al maggior numero di studenti possibile, dall’altro occorre dotarsi di una serie di risorse materiali e umane che concorrano a rendere la scuola italiana più accessibile anche nei confronti di coloro che presentano difficoltà nell’apprendimento“.

Ma qual è la situazione negli istituti scolastici italiani? Nelle scuole a gestione statale, il rapporto tra docenti e numero degli alunni con disabilità è di uno ogni due studenti. Molise e Basilicata sono le regioni che dedicano più risorse con una media di un insegnante ogni 1,6 alunni con disabilità mentre nelle regioni Lazio e Lombardia il rapporto è inferiore (un docente ogni 2,4 alunni)

Oltre al sostegno, gli alunni con disabilità necessitano di servizi con determinate caratteristiche. Secondo i dati elaborati da Exposanità su base Istat, se da un lato in Italia si registra una percentuale abbastanza alta di scuole con scale a norma (79% di scuole primarie e 86,8% di secondarie di I grado) e con servizi igienici a norma (76,7% di scuole primarie e 79,7% di secondarie di I grado), dall’altro solo il 29,8% delle scuole primarie e appena il 29,1% delle scuole secondarie di I grado hanno reso accessibili i percorsi interni. Stessa situazione per i percorsi esterni, resi accessibili solo nel 28,4% delle scuole primarie e nel 27,2% delle scuole secondarie di I grado. A livello macro il Mezzogiorno presenta la percentuale più bassa di scuole con scale e servizi igienici a norma; situazione opposta al Nord. Per quanto riguarda i percorsi interni ed esterni, che si dimostrano comunque carenti, è sempre il Nord a presentare una situazione migliore rispetto al Mezzogiorno.

164430803-d890012b-2696-4cab-a355-c00fba9e08b7

 


PESCARA, DISABILI SENZA BUS – Padre disperato minaccia di gettarsi dalla torre

Disabili senza bus Un padre minaccia: “Mi getto dalla torre”

Proteste per la sospensione del trasporto al Paolo VI La Fondazione: deve essere il Comune a garantire il servizio

di Vito de Luca

PESCARA. «Se non riprende il servizio di accompagnamento dei disabili, da parte della Fondazione Paolo VI, io salgo sul torrione del Comune e mi butto giù».

È disperato, Paolo Masciulli Ferri, il papà di un giovane di 28 anni autistico, dopo la decisione da parte della Fondazione Paolo VI di sospendere, dallo scorso 7 aprile, il servizio dei pullman che prelevava, in determinati punti di raccolta, i disabili iscritti al centro di riabilitazione, che a Pescara ha tre sedi: quella di via Pesaro, di viale Papa Giovanni XXIII e infine quella di via Tavo, il Tabor, frequentato dal figlio di Paolo Masciulli.

È una storia straziante, quella di Masciulli, di cui si è voluta far carico la Fials, la Federazione italiana autonomie locali e sanità, con il segretario provinciale, Gabriele Pasqualone, che ieri ha indetto una conferenza stampa sull’argomento.

«Prima, noi abitavamo a Montesilvano», racconta Masciulli, il quale oltre al giovane disabile ha altri due figli «e il Comune, con un suo servizio, provvedeva al trasporto di mio figlio. Ma tutto questo è durato fino alla morte di mia moglie, avvenuta qualche anno fa. Poiché mio figlio, legatissimo alla madre, ha voluto che ci trasferissimo vicini al cimitero dove ora è sepolta, in quello di via Colle di Mezzo, a Pescara».

E anche all’inizio di questo primo periodo seguito al trasloco, la situazione non cambia. «Dal 2011 al 2013», dice Masciulli, «il servizio di trasporto è stato garantito dalla Fondazione Paolo VI, dalla quale mio figlio veniva accompagnato nel centro di via Tavo. Il tutto però fino al 7 aprile scorso, quando la Fondazione ha deciso di sospendere l’accompagnamento». Di qui, la «navetta» di Masciulli tra municipio e Fondazione. «Uno mi ha mandata dall’altra e viceversa. Senza trovare una soluzione». Il fatto è, spiega Masciulli (il quale ha dovuto lasciare il lavoro che svolgeva prima, proprio per essere più vicino al ragazzo ) che per lui sarebbe impossibile accompagnare il figlio autonomamente: «Per portarlo al centro di riabilitazione, dovrei prendere due autobus. Ma non è tanto questo il punto. Va detto che mio figlio, che è alto un metro e novantadue, con un peso di 133 chili, sui mezzi pubblici disturba i viaggiatori».

«Non riesco a trattenerlo», sottolinea, «e per la mole che ha, nessuno riesce a fermarlo».

Insomma, per Masciulli, portare il figlio in via Tavo sarebbe una missione impossibile. «Ora la mia», sbotta il papà, «non è più una vita, a queste condizioni. E se nessuno mi darà ascolto, mi butterò giù dal torrione del Comune».

Un appello alla soluzione del caso è stato lanciato anche da Pasqualone. «Abbiamo chiesto un incontro col prefetto», spiega il sindacalista. «Ma non abbiamo avuta risposta. Lo stesso è accaduto con la Fondazione Paolo VI. Quella di Masciulli è una vicenda vergognosa».

Nel giro di qualche ora è poi arrivata anche la replica della Fondazione Paolo VI. «Il servizio che abbiamo svolto finora», fanno sapere dalla direzione, «è stato un qualcosa in più, di non dovuto da parte nostra. Ora, in virtù di una nostra riorganizzazione interna», hanno spiegato, «abbiamo interrotto il servizio. Ma di questo, come è disposto dalla legge, se ne dovrebbe fare carico il Comune».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Tratto da: ilcentro.geolocal.it Pescara

http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2014/04/12/news/disabili-senza-bus-un-padre-minaccia-mi-getto-dalla-torre-1.9037119


DISABILI IN PIAZZA: DOVE SONO FINITI GLI ANNUNCIATI 500 MILIONI DI EURO PER IL FONDO NAZIONALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA?

“Trovate risorse per noi

dal taglio spese militari

e dai costi della politica!”

Roma, 9 Aprile 2014

20072830_disabili-in-piazza-contro-tagli-servizi-sociali-dove-sono-1

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2014/04/09

/roma-disabili-in-piazza-renzi-trovi-risorse-per-noi-dal-taglio-degli-f-35

/273837/


IL SIGNOR BERLUSCONI VUOL MOTIVARE I DISABILI: CHE NON INSULTI LE NOSTRE INTELLIGENZE!

BERLUSCONI. ARGENTIN: “NON INSULTARE NOSTRE INTELLIGENZE”

(DIRE) Roma, 10 apr. – “Ma che dici? Io sono stata nella
precedente legislatura uno dei deputati di opposizione. Non solo
non mi hai mai salutato e neanche guardato in faccia, ma hai
fatto tutti i tagli possibili sui capitoli di bilancio della
disabilita’.

“Ma non ti vergogni?”. Lo dice Ileana Argentin,
deputata Pd.
  “Io credo che quest’uomo pur di avere i servizi sociali che
vuole sarebbe disposto per la prima volta ad avere a che fare che con noi ‘sfigati’.

Roba da non credere- aggiunge- lui che motiva noi, ma da quando? Noi ci motiviamo da soli, siamo persone come le altre, forse non come i suoi uomini e le sue donne pronti sempre a obbedirgli, i nostri diritti li rivendichiamo sulla piazza e nelle amministrazioni e non nelle ‘stanze chiuse’ della sua villa di Arcore.

Non sottovaluti le nostre intelligenze, non glielo permettero’ mai. Faccia il politico, se crede, ma non usi i disabili per pulirsi la coscienza”.
(Dip/ Dire)
13:26 10-04-14

http://www.ileanaargentin.it/berlusconi-argentin-non-insultare-nostre-intelligenze/


“VITA INDIPENDENTE”: Giovanni, studia medicina e vive da solo.

“VITA INDIPENDENTE”: Giovanni, studia medicina e vive da solo..


GIOVEDI SANTO: PAPA FRANCESCO SCEGLIE DI LAVARE I PIEDI A DODICI RAGAZZI DISABILI

Dopo l’incontro dello scorso anno con i detenuti del carcere minorile di Casal di Marmo, quest’anno il Papa celebrerà il rito della lavanda dei piedi insieme ai ragazzi della Fondazione Don Carlo Gnocchi- Centro Santa Maria della Provvidenza.

di  | 8 aprile 2014

Da ILFATTOQUOTIDIANO.IT
Immagine
Giovedì santo, il 17 aprile prossimo, Papa Francesco laverà i piedi a dodici disabili. Già l’anno scorso, nella stessa occasione, Bergoglio, dopo appena quindici giorni dall’elezione al pontificato, aveva sorpreso il mondo intero facendo annullare la solenne celebrazione della Messa dell’ultima cena nella cattedrale di Roma, la Basilica di San Giovanni in Laterano, per andare a lavare i piedi adodici giovani detenuti, tra cui due ragazze una delle quali musulmana, nel carcere minorile di Casal del Marmo.
 

Quest’anno Francesco ha deciso di rivivere l’ultima cena di Gesù insieme con i disabili della “Fondazione Don Carlo Gnocchi – Centro Santa Maria della Provvidenza”, nella zonaCasalotti-Boccea di Roma. “È mio dovere – disse un anno fa il Papa ai giovani detenuti di Casal del Marmo – come prete e come vescovo essere al vostro servizio. Ma è un dovere che mi viene dal cuore: lo amo. Amo questo e amo farlo perché il Signore così mi ha insegnato”.

Papa Francesco, per il giovedì santo laverà i piedi a dodici disabili

Papa Francesco durante una messa.

Da arcivescovo di Buenos Aires Bergoglio sceglieva sempre le “periferie esistenziali” per rivivere i momenti fondamentali della nascita del cristianesimo: l’istituzione dell’Eucaristia, la lavanda dei piedi, il tradimento di Giuda, il rinnegamento di Pietro, l’arresto, la passione, la morte e la risurrezione di Gesù. Divenuto Papa, Bergoglio non cambia il suo stile e le sue abitudini di mettere gli ultimi al centro della sua predicazione e della sua vita. Non si tratta di una scelta di marketing ecclesiale, come qualcuno ha più volte ipotizzato, per far dimenticare i peccati della Chiesa, dalla pedofilia al riciclaggio del denaro sporco, e soprattutto per voltare pagina dopo la vicendaVatileaks. E non si tratta nemmeno di un “Papa comunista”, come da qualcuno è stato recentemente ribattezzato Francesco che ha risposto semplicemente: “Il mio non è comunismo ma Vangelo”. Francesco quindi il prossimo giovedì santo abbraccerà i disabili che lui chiama “il mio passaporto per il paradiso”, come fa del resto in ogni udienza generale del mercoledì in piazza San Pietro e durante le sue visite pastorali in Italia e nel mondo.

Twitter @FrancescoGrana

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/08/papa-francesco-per-il-giovedi-santo-lavera-i-piedi-a-dodici-disabili/943950/


ABRUZZO – Studi medici professionali: “Non è obbligatorio adeguarsi alle normative statali in materia di barriere architettoniche» – Lo afferma il Governatore della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, con una nota del 25 marzo scorso inviata alle Asl e studi medici del suo territorio.

ABRUZZO – Studi medici professionali: “Non è obbligatorio adeguarsi alle normative statali in materia di barriere architettoniche» – Lo afferma il Governatore della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, con una nota del 25 marzo scorso inviata alle Asl e studi medici del suo territorio..


CONTRASSEGNI PARCHEGGI RISERVATI ALLE PERSONE DISABILI – Nel Comune di Grosseto ben 177 su 1710 rilasciati sono risultati intestati a persone decedute.

Tesserini invalidi: 177 intestati a defunti

La polizia municipale scopre che circolano ancora tantissime autorizzazioni fantasma. E le revoca immediatamente.

di Sara Landi

GROSSETO. Su 1710 contrassegni per invalidi residenti nel Comune di Grosseto ben 177 (quindi più del 10 per cento) sono risultati intestati a persone decedute.

È questo il risultato di una verifica, la prima a tappeto di questo genere, fatta dalla polizia municipale incrociando i nominativi dei titolari dei permessi con l’anagrafe comunale.

«Quando un proprio congiunto che è titolare di un contrassegno per invalidi muore _ osserva il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi _ i familiari dovrebbero riconsegnare il contrassegno, ma non sempre questo accade. Ovviamente ciò può succedere per tante ragioni, cioè che uno non lo sappia o si dimentichi di farlo. Ma ci sono anche casi in cui purtroppo il permesso viene utilizzato al posto della persona scomparsa, l’unica che aveva titolo a farlo».

Se siano più i furbetti o gli smemorati, se prevalga la buona fede o l’astuzia, la verifica compiuta dalla Municipale non lo può certo dire. Ma le cifre sono precise e parlano da sole.

Dal comando di piazza La Marmora spiegano che dal sistema di gestione informatizzato sono stati estrapolati tutti i contrassegni in corso di validità a una certa data per verificare la legittimità del titolo. I contrassegni, che consentono l’accesso in zone a traffico limitato e danno diritto alla sosta negli stalli gialli riservati, possono essere di due tipi: quelli permanenti hanno validità di cinque anni e per ottenerli serve la certificazione dell’Asl; quelli temporanei vengono invece riconosciuti, sempre con certificazione medica, a persone con un infortunio e hanno durata più breve.

Tramite il Sed (il servizio informatico del Comune, ndc.) l’elenco di tutti i contrassegni intestati a invalidi residenti nel Comune di Grosseto è stato incrociato con l’archivio anagrafico comunale che ha dato la sua risposta: 177 contrassegni sono risultati appartenere a persone nel frattempo scomparse e saranno quindi cancellati dal sistema. Ciò significa che saranno rimossi non solo i dati relativi al contrassegno ma anche tutte le targhe dei veicoli associate al permesso.

Dunque se una persona verrà trovata ad utilizzare in modo improprio il contrassegno che è stato cancellato perché intestato a un familiare scomparso, sarà passibile di denuncia e sanzioni.

L’operazione, spiega il sindaco (che dopo il recente rimpasto di giunta ha tenuto per sé la delega alla Polizia municipale), è collegata a un’azione più ampia di revisione generale degli accessi alla Ztl del centro storico.

«Stiamo ragionando su come ridurre l’accesso di macchine nel centro storico e liberare parcheggi _ dice Bonifazi _ L’operazione fatta dalla polizia municipale rientra in questa logica». E tutela, oltretutto, le tante persone che il contrassegno lo utilizzano nella piena legittimità e per un reale bisogno.

L’azione di controllo portata avanti dalla Municipale ha permesso inoltre di individuare una ventina di titolari di contrassegno che si sono trasferiti in un altro Comune. Ma qui il peccato è veniale.

«In questo caso _ spiegano ancora dagli uffici della Municipale _ sarebbe preferibile che il cittadino riconsegnasse il contrassegno al vecchio Comune e ne chiedesse uno nuovo al Comune dove si trasferisce. Più spesso succede che chi si trasferisce in un altro Comune usa il vecchio contrassegno fino alla data di validità e poi quando si accorge che è scaduto ne chiede uno nuovo nel Comune dove ha preso la residenza».

Questo è possibile perché i contrassegni vecchi (quelli arancioni) hanno validità nel territorio nazionale, mentre i nuovi contrassegni azzurri in formato europeo _ recepiti soltanto l’anno scorso nel nostro Paese _ valgono in tutta l’Unione Europea.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

02 aprile 2014

UNA MAMMA ESEMPIO NEGATIVO DI EDUCAZIONE: PARCHEGGIA IL SUV OGNI MATTINA DAVANTI AD UNO SCIVOLO E SULLE STRISCE PEDONALI

LO SPEAKER DI RADIO DEE JAY DIEGO PASSONI LA ELEGGE SIMBOLO DELLA CATEGORIA DEGLI AUTOMOBILISTI INCIVILI

Automobilisti incivili

Il comportamento della donna è stato davvero incivile, se consideriamo che parcheggiava sulle strisce ostruendo uno scivolo per accompagnare il figlio a scuola . Lo speaker di Radio Dee Jay Diego Passoni, che quotidianamente, nella sua trasmissione radiofonica, legge una propria lettera indirizzata a personaggi noti e meno noti, ha scritto una lettera proprio a lei. Diego Passoni

Il testo è stato letto in radio e poi diffuso sul proprio sito web e sulle pagine Facebook della stessa emittente per sensibilizzare su questo grande fenomeno, malcostume di inciviltà Di seguito il testo dedicato alla ‘mamma termolese’, eretta a simbolo della categoria degli automobilisti incivili.

“CARA MAMMA COL SUV ogni mattina ti vedo, all’ingresso di quella scuola media da cui passo a piedi o in bici, cercando di aggirare te e le tue omologhe, parcheggiate un po’ a vanvera nel crocevia bloccato dalle manovre di sali-scendi dei vostri amabili bambini carichi di enormi zaini. Partiamo col dire –e non puoi che essere d’accordo- che la tua guida di un’auto è piu’ una necessità che la manifestazione di un tuo talento, ma per fortuna vai piano. Sempre piano. Ma all’avvicinarsi del punto in cui devi consegnare all’istruzione (che è istruzione privata e gestita da suore gendarmi) la tua prole, come fossi còlta da una locuzione interiore di origine soprannaturale, accendi le quattro frecce e ti fermi. Li’, in mezzo alla carreggiata, proprio davanti al cancello d’ingresso. E come fossi la Costa Concordia che fa l’inchino al Giglio, ti disinteressi completamente delle conseguenze di questa tua manovra. Capisco il cuoredimamma che vede i propri cuccioli che imparano i rudimenti per diventare grandi, capisco che tra cartella, chitarra, monopattino e borsa per il nuoto sembra più che tuo figlio traslochi ogni mattina; capisco che seguire con lo sguazdo l’ingresso del figlio fino in classe ti tranquillizzi, ma non è che il fatto che lo mandi a scuola necessiti un blocco del traffico del circondario tutte le mattine. Si tratta di scuola media, se tu ti fermassi nell’ampio parcheggio antistante anziché in mezzo al vialetto, si tratterebbe solo di fargli attraversare la strada. Così imparerebbe anche a guardarsi a destra e sinistra prima di imboccare una strada dove, comunque, ci sono persone a piedi, in moto o in auto, che rispettano il codice della strada, non come te, che di corretto non hai certo il comportamento, ma solo la piega!

A domattina, Diego “

http://www.deejay.it/news/cara-mamma-col-suv/374383/

http://www.altomolise.net/notizie/attualita/6554/ribalta-per-una-mamma-di-termoli-diventa-il-simbolo-degli-autisti-incivili


“Ascensori e scale mobili sono per nani, zoppi e handicappati”. Parola di Sgarbi

“Ascensori e scale mobili sono per nani, zoppi e handicappati”. Parola di Sgarbi

Il critico d’arte, candidato sindaco di Urbino, in un’intervista dichiara: “Una città civile non ha né ascensori né scale mobili”.

Argentin: “Pover’uomo. Si sa come si nasce, non si sa come si muore”

www.agenzia.redattoresociale.it Da Redattore Sociale – 17 marzo 2014

ROMA – “Una città civile non ha né ascensori né scale mobili. Solo quelle abitate da nani, zoppi e handicappati hanno le scale mobili. Se le devono mettere nel culo”: le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi, in qualità di candidato sindaco della città di Urbino con i Verdi, lasciano quanto meno interdetti. In un’intervista rilasciata a Maria Gabriella Lanza su “il Ducato”, il critico d’arte sbaraglia in un colpo tutti i principi, le ragioni e le battaglie per l’accessibilità universale, o “design for all”.Scale e ascensori sono liquidati semplicemente come brutti, addirittura “incivili”.

Ileana Argentin replica con una risata alle parole di Sgarbi: “Si sa come si nasce ma non si sa come si muore, ecco cosa rispondo a Sgarbi, pover’uomo. Non gli auguro certo di aver bisogno anche lui, prima o poi, di scale ed ascensori. Ma certo la sua ignoranza mi lascia senza parole e mi stupisce ogni giorno di più”. Intanto, anche sui social network le parole di Sgarbi suscitano indignazione generale: c’è chi propone “una bella denuncia per razzismo” e chi fa notare che “per un disabile la scala mobile è una iattura”. C’è anche chi suggerisce un paragone con “la frase di Paolo Villaggio sulle paraolimpiadi”, mentre qualcuno resta stretto sul tema dell’accessibilità e osserva: “con un gruppo di disabili anche fisici siamo stati a Urbino e non vi dico la fatica che si è fatto. Bellissima città che vale la pena far vivere anche agli handicappati e quindi bisogna che si attrezzi in merito”. (cl)

Ileana Argentin

© Copyright Redattore Sociale

 

Da Redattore Sociale – 17 marzo 2014
http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/456515/Ascensori-e-scale-mobili-sono-per-nani-zoppi-e-handicappati-Parola-di-Sgarbi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: