Archivi tag: emozioni

SENTIRE È IL VERBO DELLE EMOZIONI 

“Mi piace il verbo sentire…

Sentire il rumore del mare,

sentirne l’odore.

Sentire il suono della pioggia che ti bagna le labbra,

sentire una penna che traccia sentimenti su un foglio bianco.

Sentire l’odore di chi ami,

sentirne la voce

e sentirlo col cuore.

Sentire è il verbo delle emozioni,

ci si sdraia sulla schiena del mondo

e si sente.” Alda Merini

Annunci

LORELLA NARDI, IL CORAGGIO DI UN FIORE, UNA DONNA, UNA POETESSA CHE HA IL SORRISO NEL CUORE

PICCOLA STORIA

Spesso penso al silenzio,

il silenzio che fu il mio mondo di bimba.

Un silenzio di stanze,

di pianti bambini,

del buio nelle culle,

di giorni senza una madre.

Il mio Luglio 2014 a Principina a Mare - Grosseto - Maremma Toscana
 Principina a Mare – Grosseto – Maremma Toscana

Ma, lentamente,

il silenzio si fece vento,

si fece bosco,

notte d’estate,

mare immenso.

Ed è grazie a chi ha guardato a me con amore,

con il sorriso negli occhi,

che il silenzio che portava il freddo nel cuore

lentamente è cambiato e, piano,

si è fatto musica.

(c) Lorella Nardi ( Giugno 2000 )

Questa poesia è stata scritta per essere letta con la Lingua Italiana dei Segni 

Lorella Nardi

LORELLA NARDI E’ UNA POETESSA NATA NEL COMUNE DI POMARANCE (PISA), LA POESIA PER LEI E’ DAVVERO OGNI SUO MOMENTO QUOTIDIANO, UN INTRECCIO TRA LA BELLEZZA DI OSSERVARE IL CREATO INTORNO A LEI E LA NATURA CHE NE FA PARTE, UN TRAMONTO O UN’OMBRA BOSCHIVA SONO PER LEI EMOZIONI PRIMA DA VIVERE ATTRAVERSO LA SUA ANIMA, GIOIRNE CON IL CREATO STESSO E POI VERSI DA FISSARE PER RESTARE ANCORA RICORDI VIBRANTI. 

LORELLA HA VINTO DIVERSI PREMI E PUBBLICATO ANCHE RACCOLTE DI POESIE “Bambola Blu ed altre storie”, la Silloge:  “Tra ombra e sogno” la raccolta: “I mari che solcai”, LA SUA UNA DOLCEZZA PACATA MA CHE SA APRIRCI CON GRAZIA ANCHE LE SUE SOFFERENZE, TRA I SUOI VERSI, NON CI NEGA IL SUO PERCORSO COME NON CI NEGA LA VOGLIA DI VIVERE E IL SUO SUBLIME STUPORE PER LA VITA, SOTTO OGNI SUA FORMA.

UNA POETESSA CHE NON SI PUO’ NON CONOSCERE O NON LEGGERE.

Lorella Nardi ci dice di se:
Lorella Nardi
Nasco il 26 novembre 1960 nel comune di Pomarance (Pisa), esattamente a Madonna della Casa.

Ho svolto e svolgo varie attività lavorative; la mia qualifica professionale è quella di autista.
Nel 2009 sono riuscita a conseguire il diploma di maturità presso il liceo socio-psicopedagogico Carducci di Volterra.

Autodidatta, ho iniziato a scrivere all’età di 14 anni; la natura, le stagioni, i suoni, i silenzi, le luci, le notti di luna sono i luoghi dello spirito dove trovo da sempre uno spazio tutto mio.  In questo “giardino segreto” rimane tuttavia posto per una piccola memoria del nostro comune passato, per non dimenticare.
Né resto indifferente agli avvenimenti di questo nostro mondo impazzito. Non ho soluzioni: solo l’urgenza del dire, niente di più di una piccola goccia nell’oceano.

Nel 1988, a cura del Centro Culturale “La Magra”, ho pubblicato la silloge “Tra ombra e sogno”; nel 2002, a cura dell’Associazione Culturale “Il Chiassino”, la raccolta “I mari che solcai”. Nel gennaio 2011 pubblico “Bambola blu ed altre piccole storie”.  Altre sillogi sono nel cassetto, in attesa di pubblicazione, tra cui una breve raccolta di haiku.
Dal 1984 ad oggi mi sono aggiudicata molti primi premi in concorsi nazionali  ed internazionali di poesia.
Mie poesie sono inoltre presenti in varie antologie e riviste culturali.
Le poesie più recenti si trovano nell’Antologia Poetica “Immagini” stampata nel settembre scorso a cura della Casa Editrice Pagine.
Tempo fa ho scovato questa frase, che trovo molto vicina al mio sentire:
“c’è un lago nel cuore di ogni uomo, ed egli ascolta il suo monotono mormorio anno dopo anno, sempre più attentamente, finché alla fine decide di tuffarsi.”   (GEORGE MOORE)

Alcune poesie sono leggibili in alcuni blog: Poetare.it

bancart.it . L’angolo della Poesia. 


MARIA STELLA LO RE PUBBLICA LA SUA RACCOLTA “COME IN DUE”: UN VERO VIAGGIO TRA LE EMOZIONI

TRA CASA E FUORI

Quando esco lasciando il resto dentro casa e
fuori l’erba è un manto senza più colore
e cammino e non vedo
mi conserva una pace.
 
A volte lo spazio si restringe
e io sono alle cose solo cosa da mostrare
finché la stanza contrappone il suo rumore
quando i suoni vicini oltrepassano i muri.
 
Allora la mia fetta d’aria si allontana e sopravvivo
nell’intervallo imposto tra qui e fuori:
spine di rosa alla finestra e un girasole,
poi un papavero lontano, più lontano…
© Maria Stella Lo Re 

Come in due - Maria Stella Lo Re http://www.ibs.it/code/9788863548839/lo-re-m–stella/come-due.html

                      Ibs.it: “Come in due”

Maria Stella Lo Re, una autrice, poetessa molto preparata e di grande cultura.  Nella sua raccolta ha messo poesie di estrema diversità, comunicando così contenuti, ricordi, nostalgie e il suo grande ecletticismo poetico.  A volte narrative, a volte estremamente ermetiche, spesso struggenti o ironiche, ma profumate di sapori e colori inaspettatamente presenti. Pur conoscendo Maria Stella mi stupisce ogni volta. La sua capacità di scrivere è proprio nell’essere la poesia che scrive. Sono rimasta incantata dalla sua grande capacità di saper viaggiare con le parole in ogni tempo:  presente, passato, futuro,  sempre con la sua  estrema puntigliosa ricercatezza di piccole parole ricercate, metafore sottili ma assai forti da sentirne il peso, macigni e matrigne talvolta sorelle ed amiche emozioni dai più sublimi versi.

Lorella Ronconi

Maria Stella Lo ReLe poesie della raccolta Come in due sono state scritte nell’arco di un decennio; alcune di esse seguono una ‘direzione interiore’, sono autodirette, come dei monologhi interiori. Vi è una ricerca del silenzio ottenuta dalle varie combinazioni linguistiche e con la semplicità del testo dove il linguaggio si fa trasposizione della comunicazione quotidiana. I versi divengono una nicchia dove raccontarsi e raccogliersi per sfuggire il tempo. Il leitmotiv è l’amore declinato nelle sue varie forme. Gli amori finiti si fanno ricordo e il verso riecheggia luoghi e pensieri condivisi e momenti di vita vissuta insieme e perfino l’attimo della fine e del distacco, quasi una cronaca di ciò che era stato.

 


Maria Stella Lo Re è nata a Grosseto e vive a Siena dal 1977. Laureata in Storia dell’Arte, ha pubblicato in sedi diverse articoli di critica d’arte e di storia dell’architettura. Ha collaborato con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le Province di Siena e Grosseto. Attualmente lavora presso il dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature dell’Università degli Studi di Siena. Ha pubblicato le sue poesie su varie riviste, tra cui “L’Immaginazione”, “Orizzonti” e “CollettivoR”, e nelle raccolte “Pater” (Morgana Editrice) e “Luoghi di poesia” (Aletti editore). È membro dell’‘International Association for Art and Psychology’.


SOLSTIZIO D’ESTATE: MAREMMA TERRA MIA, IO CON TE, LIBERA, IN UNA VITA PRIGIONIERA

Maremma solstizio d'estate 2014

La libertà? Non è forse del profumo di salsedine

che dondola in un pensiero libero

abbracciato alle ali di bianco gabbiano?

Maremma, è da te che scoprii di amar troppo

questa mia vita prigioniera.

A te, mio giallo grembo, materno amore fedele,

brindo, oggi, ai colori che mi dai,

al tuo cielo regale, alle tue stelle,

sei ancora Solstizio d’Estate

con me ed io con te,

amante, 

di questa mia azzurra,

povera vita prigioniera.

© Lorella Ronconi

 


PRELUDI

… ALLA RICERCA DI TE

Continua a leggere


SIRENA GUERRIGLIA, LE POESIE CHE RACCHIUDONO LE MIE EMOZIONI, QUELLE DI UNA DONNA CHE IMMAGINA DI ESSERE UNA “SIRENA”

fronte new

Sirena guerriglia

Sulla roccia
un’onda sboccia
languidante scivola
voluttuosa.

È lontano laggiù
l’orizzonte di terra
frenetici piedi guerrigli
correnti orologi sudati
indaffarati.

Sbadiglio l’umano che è in me
e guizza il pesce che sono.

 

© Lorella Ronconi

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: