Archivi tag: maria stella lo re

MARIA STELLA LO RE PUBBLICA LA SUA RACCOLTA “COME IN DUE”: UN VERO VIAGGIO TRA LE EMOZIONI

TRA CASA E FUORI

Quando esco lasciando il resto dentro casa e
fuori l’erba è un manto senza più colore
e cammino e non vedo
mi conserva una pace.
 
A volte lo spazio si restringe
e io sono alle cose solo cosa da mostrare
finché la stanza contrappone il suo rumore
quando i suoni vicini oltrepassano i muri.
 
Allora la mia fetta d’aria si allontana e sopravvivo
nell’intervallo imposto tra qui e fuori:
spine di rosa alla finestra e un girasole,
poi un papavero lontano, più lontano…
© Maria Stella Lo Re 

Come in due - Maria Stella Lo Re http://www.ibs.it/code/9788863548839/lo-re-m–stella/come-due.html

                      Ibs.it: “Come in due”

Maria Stella Lo Re, una autrice, poetessa molto preparata e di grande cultura.  Nella sua raccolta ha messo poesie di estrema diversità, comunicando così contenuti, ricordi, nostalgie e il suo grande ecletticismo poetico.  A volte narrative, a volte estremamente ermetiche, spesso struggenti o ironiche, ma profumate di sapori e colori inaspettatamente presenti. Pur conoscendo Maria Stella mi stupisce ogni volta. La sua capacità di scrivere è proprio nell’essere la poesia che scrive. Sono rimasta incantata dalla sua grande capacità di saper viaggiare con le parole in ogni tempo:  presente, passato, futuro,  sempre con la sua  estrema puntigliosa ricercatezza di piccole parole ricercate, metafore sottili ma assai forti da sentirne il peso, macigni e matrigne talvolta sorelle ed amiche emozioni dai più sublimi versi.

Lorella Ronconi

Maria Stella Lo ReLe poesie della raccolta Come in due sono state scritte nell’arco di un decennio; alcune di esse seguono una ‘direzione interiore’, sono autodirette, come dei monologhi interiori. Vi è una ricerca del silenzio ottenuta dalle varie combinazioni linguistiche e con la semplicità del testo dove il linguaggio si fa trasposizione della comunicazione quotidiana. I versi divengono una nicchia dove raccontarsi e raccogliersi per sfuggire il tempo. Il leitmotiv è l’amore declinato nelle sue varie forme. Gli amori finiti si fanno ricordo e il verso riecheggia luoghi e pensieri condivisi e momenti di vita vissuta insieme e perfino l’attimo della fine e del distacco, quasi una cronaca di ciò che era stato.

 


Maria Stella Lo Re è nata a Grosseto e vive a Siena dal 1977. Laureata in Storia dell’Arte, ha pubblicato in sedi diverse articoli di critica d’arte e di storia dell’architettura. Ha collaborato con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le Province di Siena e Grosseto. Attualmente lavora presso il dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature dell’Università degli Studi di Siena. Ha pubblicato le sue poesie su varie riviste, tra cui “L’Immaginazione”, “Orizzonti” e “CollettivoR”, e nelle raccolte “Pater” (Morgana Editrice) e “Luoghi di poesia” (Aletti editore). È membro dell’‘International Association for Art and Psychology’.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: